antiquariato

Nuovo trend: comprare mobili antichi e dargli nuova vita

Da una ricerca di Barnebys* si evidenzia che il numero di persone sotto i 45 anni che acquista oggetti vintage e d’antiquariato aumenta.

Si parla sempre più di sostenibilità, non solo nel settore della moda ma anche per quanto riguarda l’arredo, i mobili e gli elettrodomestici si stanno facendo molti passi avanti. Secondo l’agenzia svedese per la protezione ambientale, le nostre abitazioni rappresentano infatti il 20% dell’impatto ambientale e di questa percentuale, quasi la metà è costituita proprio da mobili e arredi. Sia la Swedish Society for Nature Conservation che il World Nature Fund incoraggiano il riuso per ridurre sprechi, inquinamento e limitare l’impatto sull’ambiente e sul clima. Ecco come Pontus Silfverstolpe, co-founder di Barnebys, spiega questa propensione:

“Acquistare oggetti di seconda mano non è solo una tendenza, ma qualcosa di necessario per un cambiamento consapevole”

Una nuova consapevolezza sta quindi spingendo il commercio in una direzione sostenibile. Allo stesso modo in cui le generazioni Y e Z rifiutano sempre più fortemente il fast fashion, la stessa tendenza sembra prendere piede nel mondo dell’arredo e del design d’interni.

Secondo Barnebys, le vendite di mobili e arredi nel 2018 sono aumentate del 32% rispetto agli anni precedenti. L’interesse si è intensificato soprattutto nella fascia di età inferiore ai 45 anni – in particolar modo tra i giovani delle generazioni Y e Z, un’età in cui molte persone acquistano e arredano la loro prima casa. Mentre i prezzi continuano a salire per quanto riguarda il design del XX secolo e l’arredo contemporaneo, l’antiquariato e i mobili classici sembrano invece essere sempre più accessibili a qualsiasi portafoglio.

Negli ultimi anni il mercato dell’usato è stato reso più semplice e accessibile. Sempre meno persone buttano via oggetti, favorendo invece lo scambio o la vendita attraverso canali dedicati. Per evitare il tipico processo dell’“indossa e butta” che ci ha insegnato il fast fashion, le nuove generazioni scelgono invece di acquistare oggetti usati ma con particolare attenzione alla qualità.

“La qualità paga. Non solo per il portafoglio ma anche per l’impatto ambientale. Ecco spiegato il crescente interesse verso un arredo unico e personalizzato, dove la qualità è un prerequisito essenziale affinché gli oggetti durino nel tempo”

*Barnebys è un motore di ricerca per arte, oggetti d’antiquariato e da collezione provenienti da oltre 3.000 case d’asta e gallerie in tutto il mondo. Barnebys offre un database gratuito dei prezzi realizzati, risalente agli inizi degli anni ’70 e che fornisce oltre quaranta milioni di lotti venduti.

Tratto da barnebys blog al seguente link.

“Minute Visioni”, da Roma a Firenze

La prima asta di Telearte con una rara collezione di mosaico minuto

Telearte debutta il giorno 10 ottobre 2018 alle ore 14:00 nel mondo delle aste con “Minute Visioni, da Roma a Firenze”.
Saranno proposte una serie di scatole, tabacchiere, snuff box, press papier e anche 2 tavoli di notevole pregio che mostreranno micromosaici di rigorosa fattura e tarsie composte da svariati marmi.
La collezione si compone di 101 pezzi visibili sul sito di aste online Invaluable.com al seguente link.

 

IN_Logo_Tag

Invaluable.com recentemente definito “una delle piattaforme web di commercio elettron016_1ico in più rapida crescita nel mondo dell’arte” da Blouin ArtInfo.
Invaluable è il leader del mercato online nel mondo per l’arte, l’antiquariato e il collezionismo. Per questo Telearte, dopo un’accurata ricerca, ha deciso di esser presente su questa piattaforma di e-commerce.
Le case d’asta, le gallerie e i rivenditori più importanti utilizzano Invaluable per approfondire le relazioni con milioni di clienti in tutto il mondo, collegando le persone con le cose che amano.
Se intendete fare delle offerte su un lotto o alcuni pezzi presenti in questa collezione, potete registrarvi sul sito di Invaluable oppure contattateci personalmente al numero telefonico 06.39744494.

Telearte per le aste online prevede una commissione del 10% sul prezzo delll’offerta di aggiudicazione. Per quest’asta la piattaforma Invaluable non richiederà alcuna commissione.

DOWNLOAD CATALOGO ASTA

30ma edizione della Biennale dei Capolavori, FIRENZE Palazzo Corsini

La 30ma edizione della Biennale dei Capolavori apre al Novecento recente e annuncia le sue meraviglie

biennale-firenze-3

Il 23 settembre apre i battenti la trentesima edizione della Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze e ancora una volta sarà ospitata nei saloni barocchi di Palazzo Corsini, affacciato su uno dei lungarni più belli della città. Gli organizzatori sono da tempo al lavoro, sotto l’attenta regia del Segretario Generale,
Fabrizio Moretti, per porre nuovamente sotto i riflettori internazionali il mercato dell’antiquariato italiano ed offrire ad un pubblico sempre più attento un’edizione ricca di novità e sorprese.

biennale-firenze-2

Per accogliere le oltre 3.000 opere esposte e le oltre 80 gallerie italiane e straniere, Palazzo Corsini si presenterà con un nuovo allestimento, quest’anno affidato alla vena creativa di Matteo Corvino, noto interior designer e scenografo veneziano. Un progetto work in progress che si apre alla modernità e che sarà reinterpretato già dalla prossima edizione. L’intento è di fornire ai visitatori una sempre maggiore visibilità delle architetture seicentesche di Palazzo Corsini con l’utilizzo di un soffitto di vetro per il percorso centrale garantendo una maggiore luminosità agli spazi interni del palazzo, mentre, dalla terrazza di Palazzo Corsini, si potrà ammirare la ricostruzione di un giardino pensile all’italiana realizzato con bordure di bosso.

Tra le maggiori attrazioni figurerà certamente la Buca per le denunce segrete in marmo di Verona, opera seicentesca presentata dalla romana Galleria W. Apolloni. Ancora, la Galleria Michel Descours proporrà Il ritratto dell’attore teatrale Tiberio Fiorilli nel ruolo di Scaramouche di Pietro Paolini, appartenuto al fratello dell’attore. La Galleria Alberto di Castro esporrà invece un gruppo di importanti disegni inediti preparatori per l’esecuzione di un fregio della campana in bronzo della Basilica di San Pietro, realizzati dalla Bottega di Luigi Valadier, mentre W&K Wienerroither & Kohlbacher presenterà una collezione di disegni di Gustav Klimt, tra i quali uno studio per la celebre Salomé.
Sempre tra i disegni, ricordiamo uno studio di nudo virile del Tintoretto, presentato da Enrico Frascione. Carlo Orsi esporrà un commesso di pietre dure su ardesia realizzato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze all’inizio del XVII secolo, che rappresenta Il ritorno dalla fuga in Egitto, con intarsi in avorio, acero, palissandro ed ambra; Dario
Ghio, Il cammeo con busto dell’amato Luigi XIV, che svela un volto poco noto di colei che non solo lo ha posseduto ma anche finemente cesellato: la Marchesa di Pompadour.

biennale-firenze-1

Date e orari: dal 23 settembre al 1 ottobre 2017, dalle 10,30 alle 20,00. Giovedì 28
settembre 2017 dalle ore 10,30 alle 19,00
Biglietto: € 15, ridotto € 10
info: www.biaf.it