A04587_ZUCCARELLI_00
A04587_ZUCCARELLI_01A04587_ZUCCARELLI_02A04587_ZUCCARELLI_03

Paesaggio fluviale con figure FRANCESCO ZUCCARELLI – A04587

Paesaggio fluviale con figure – Olio su tela, cm 74 x 112  –  Francesco Zuccarelli (Pitigliano, 1702 – Firenze, 1788)

COD: A04587 Categoria: Tag: , ,

Olio su tela, cm 74 x 112

Articolo: A04587

Periodo:  XVIII secolo

Provenienza: Italia



Descrizione:

 

Formatosi a Roma come pittore di figura alla scuola di Giovanni Maria Morandi e di Pietro Nelli, Francesco Zuccarelli si trasferì sul finire degli anni venti a Firenze, al servizio del cavalier Francesco Gabburri, per raggiungere, verso il 1732, Venezia dove, nel volgere di nemmento un lustro, si affermò come il più valente paesista della città. I conoscitori e i raffinati collezionisti del tempo si contendevano l’opera dell’artista che lavorò per Anton Maria Zanetti senior, il feldmaresciallo Johann Matthias von Schlenburg, Francesco Algarotti e Joseph Smith, console britannico presso la Serenessima. Tramite quest’ultimo, la fama di Zuccarelli si estese anche in Inghilterra, tanto che nel 1752 l’artista si trasferì a Londra dove rimase per dieci anni. Vi tornò nel 1756 e, tre anni dopo, Giorgio III lo nominò membro fondatore della Royal Academy, il massimo riconscimento dell’epoca. Nel 1771 rientrò nella città lagunare e l’anno seguente fu nominato presidente dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Ritornato a Firenze nel 1774, Zuccarelli si reinserì prontamente nella vita artistica della città dedicandosi, nonostante l’età avanzata, all’insegnamento presso l’Accademia del Disegno di Firenze.

L’ampia stima goduta dall’artista nella città granducale è confermata dal lungo necrologio pubblicato dalla “Gazzetta Toscana” all’indomani della sua scomparsa, avvenuta il 10 dicembre 1788.

L’opera qui presentata è un esempio dello stile arcadico, leggero e delicato dell’artista, dove la palette cromatica sembra calibrarsi in dei passaggi tonali graduali: i toni bruni ed autunnali si fondono con quelle azzurro-grigie del fiume, del cielo, e delle colline in secondo piano, e con il rosso mattone degli abiti dei pastori, i toni ocra delle abitazioni. È un dipinto che rimanda ad un senso di quiete e tranquillità, e che esprime bene lo stile arioso e decorativo di Zuccarelli. Le belle figure, raffigurate con tratto lineare e preciso, trovano rimandi in tante altre opere dell’artista, in particolare la lavandaia di spalle che con la cesta di panni sopra la testa si dirige verso il paese, affiancata dalle mucche e dalle caprette, o anche la figura femminile seduta presso un albero in basso a destra, in una posa di torsione. Tutto viene reso con finezza compositiva e attenzione al dettaglio.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.