Tecnica Shibayama

shibayama

Shibayama è una cittadina giapponese della prefettura di Chiba.

Lo Shibayama è una forma d’arte originaria del Giappone. Si tratta di laccare con materiali semi-preziosi degli oggetti, in uno stile del tutto particolare. Oggetti che sono generalmente vasi, scatole e custodie per katane.

Tali oggetti realizzati nell’epoca Meiji*, per la loro delicatezza e preziosità, sono valutati moltissimo e ricercati da molti collezionisti.

Il lavoro di Shibayama è una combinazione di intarsio e rilievo che sposa le due tecniche in modo da evidenziare le loro caratteristiche più spettacolari.

È stato utilizzato per la prima volta in Giappone nel XVIII secolo per decorare ornamenti e oggetti per uso personale.

Oltre al loro fascino estetico , il valore distintivo degli oggetti realizzati dagli artigiani di Shibayama si trova nell’elaborato lavoro manuale e nella cura minuziosa necessaria per la loro creazione.

Tipicamente le depressioni furono scolpite in avorio , legni esotici o superfici laccate . Queste depressioni furono poi intarsiate con piccole quantità di materiali preziosi (madreperla, tartaruga, corallo, giada, ossa e abalone), formando così il modello.
Ogni intarsio è inciso, creando un rilievo costituito da molti pezzi.

Al giorno d’oggi, gli oggetti creati con la tecnica dell’intarsio madre-perla si trovano nelle collezioni del del Victoria & Albert Museum di Londra e il Metropolitan Museum of Art di New York . Inoltre, tra le voci di numerose grandi case d’asta internazionali ( christies.com , sotheby.com , bonham.com ) sono oggetti decorati da lavoratori che utilizzano la tecnica di Shibayama. In Ungheria, il Museo di Arte Asiatica di Ferenc Hopp sispecializza nella raccolta di manufatti dell’Estremo Oriente.

Fonte: http://www.individualjewellery.com

 

*Il Periodo Meiji è un momento storico del Giappone che comprende i 44 anni di regno dell’Imperatore Mutsuhito. Questo periodo va dal 23 ottobre 1868 al 30 luglio 1912. Wikipedia

Posted on: settembre 10, 2017, by : telearte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *